Masaniello



E' uno dei sistemi più conosciuti nella comunità di scommettitori italiani.
Nato nel 2002, anno in cui Massimo Mondò ebbe l’intuizione e Ciro Masaniello ne realizzò l’algoritmo di calcolo, tale strumento è stato perfezionato nel corso degli anni ed ha raggiunto ora un certo grado di complessità.
Lo scopo del metodo, come riportato dagli autori, è quello di ottenere rendimenti superiori rispetto alle giocate tradizionali "a combinazione" a parità di eventi indovinati.
Vediamo un esempio: se provassimo 10 scommesse/operazioni a quota 2, prendendone 5 su 10 con una impostazione tradizionale a massa pari avremmo un utile pari a zero, mentre le stesse operazioni, inserite in un Masaniello ci darebbero un utile del 52%.
Naturalmente tale maggior rendimento ha un prezzo da pagare, che consiste nella perdita totale della cassa se non vengono rispettate le condizioni minime di sortite eventi impostate nella routine: per capirci, seguendo l’esempio precedente, se prendo 4 delle 10 operazioni perdo l’intera cassa giocata, mentre nell' impostazone tradizionale una parte della cassa si salva.
Il Masaniello offre anche la possibilità di variare in corsa il numero totale degli eventi, le sortite attese e le quote, rendendo il tutto estremamente flessibile ed adattabile alle singole esigenze dello scommettitore/investitore.
L’ulteriore modifica (Redblu) ha permesso di giungere alla versione attuale, il MultiMasanielloDeluxe 6x100 che consente di seguire sino a 6 progressioni da 100 eventi contemporaneamente, tenendo sempre d’occhio la situazione generale grazie ad una sezione denominata “Bilancio” che sintetizza i risultati delle varie progressioni.

bilancio

Vediamo ora nel dettaglio le impostazioni di base del Masaniello.
La Cassa, in cui inseriremo l’importo massimo che siamo disposti ad investire e nel peggiore dei casi, a perdere.
Evidenziamo che tale cassa non deve mai essere composta dall’intero budget destinato alle operazioni, ma solo da una percentuale del bankroll.

cassa

Successivamente si inseriscono le quote degli eventi in gioco: automaticamente il Masa inserirà il numero di eventi, conteggiando la totalità delle quote inserite.
Bisogna inoltre impostare il numero di eventi attesi, quelli che secondo la nostra esperienza e per la nostra abilità di pronosticatori, siamo in grado di indovinare nel novero totale di eventi giocati.
A questo punto il sistema calcola ed evidenzia la quota finale dell’intera strategia e, di conseguenza, la vincita realizzabile.
Vediamo attraverso le immagini un esempio chiarificatore.
Vogliamo che la nostra routine (cioè il Masaniello che stiamo impostando) si sviluppi in 10 eventi con quota media di 1,60 (ricordiamo che avere 10 quote uguali è una esigenza scolastica, nel senso che serve a noi per capire meglio l’esempio.
In realtà, non solo possiamo inserire quote diverse ma possiamo modificare le stesse nel corso della routine).
                                                 
quote
Infine impostiamo il numero di eventi che secondo la nostra esperienza siamo in grado di prendere.
Diciamo che se su 10 eventi quota 1,60, l’abilità di pronosticatore si attesta intorno al 70% di successi, allora, meglio ridurre la stessa per aumentare il margine d’errore e ridurre il rischio a scapito ovviamente della resa finale.
Quindi imposteremo come attesi un 6, su 10 totali.
                                                   
eventi attesi
A questo punto la routine ci restituirà la quota finale e l’utile di questa strategia attraverso i tre parametri sotto
                                                       
utile

Nessun commento: