Investimenti

Un investimento è l'uso di abilità e capitali per ottenere un capitale maggiore rispetto alla partenza dopo un periodo X di tempo.
Un investimento ha quindi 3 fattori: tempo, abilità, capitali.
Questi ultimi possono essere attrezzature o capitale liquido, che tutti noi conosciamo come denaro.
Il denaro è solo una parte dell'investimento e non sempre è il più importante, tant'è che negli ultimi anni alcune persone sono diventate milionarie con progetti in cui c'erano pochi soldi ma tantissime idee e abilità (vedi Google, Facebook, etc).
Purtroppo l'economia dei nostri giorni (parliamo di quella post anni 70) ha trasformato la parola investimento sempre più in un concetto monetario della serie : "Io metto dei soldi qui e tra un pò avrò più soldi".              
Questo concetto è "l'albero degli zecchini d'oro" di pinocchiana memoria.
E' il concetto che se metto del denaro in un posto, lì nascerà la pianta.
Questo concetto è sbagliato e disastroso.
Eppure, guardandoci attorno, le cose sembrano andare così.
Ma è tutta una finzione ed in questa finzione, noi (che siamo dei semplici individui fuori dalle stanze dei bottoni dei potenti) possiamo portarci a casa le nostre soddisfazioni e i nostri guadagni.
La domanda è : perchè gli altri si e noi no? 
Ci sono anche risposte etiche a riguardo.
Il mondo finanziario di oggi consente di mettere del denaro in un posto e ottenerne di più ma come questo venga fatto non è il problema.
Non dal nostro punto di vista di individui. E' un problema della collettività.
Perchè colpevolizzare l'individuo quando è la collettività ad essere responsabile?
Fintanto che rispettiamo le leggi di un paese e non truffiamo o danneggiamo direttamente nessuno, questo è lecito.
Ma come già detto, qui entriamo direttamente in una critica al sistema.
Il sistema è così : banche, istituzioni finanziarie, grandi investitori; vendono e comprano beni e opzioni sui beni, in un gioco che alla fine diventa spesso fine a se stesso.
C'è chi compra petrolio sperando che un domani il petrolio costi di più e lo possa rivendere lucrando dalla differenza.
Questo si chiama speculare lo fa moltissima gente.
C'è chi lo fa con terreni e case, c'è chi compra oro e altri metalli, c'è chi compra gli andamenti delle aziende e chi compra gli andamenti delle borse, c'è chi compra dollari, c'e' chi altri beni.
Prendiamo il mercato forex, e' il mercato mondiale più grande.
Tutti (banche, individui, nazioni, aziende) vendono/comprano monete e questo fa fluttuare il mercato. Se si vende o si compra al momento giusto si possono guadagnare cifre esorbitanti, ne più e ne meno che in un casinò, come alla roulette, c'è chi vince e c'è chi perde.
Ma chi spende tutto il proprio stipendio in biglietti della lotteria o gratta e vinci o in giochi d'azzardo non è equilibrato e forse soffre di una compulsione e dovrebbe occuparsi di questo come un problema di tipo psicologico.
Quanto potete mettere ? 100 euro? 200 euro? 1.000 euro o 20.000 euro ?
Dipende da voi.
1) Investire solo somme che ci si può permettere di perdere.
2) Diversificare su più programmi e più tipologie
3) Rientrare il prima possibile in possesso dell’investimento
4) Diffidare dei guadagni mirabolanti.
In conclusione:
esistono soluzioni di investimento in grado comunque di garantire performance ben al di sopra degli investimenti tradizionali, gestiti da banche europee e controllati dagli organi preposti ( Banca d'Italia, Consob, Guardia di Finanza, ecc. ) .

E' solo il mio pensiero !                         

Nessun commento: